• Hotel de Charme Napoli


    Nel cuore del Parco Nazionale del Vesuvio: tra Ercolano e Pompei vi è la dimora Le Fumarole uno splendido Hotel de Charme Napoli che ha il vantaggio di trovarsi in una posizione strategica alle falde del Vesuvio. Da questa posizione, sono facilmente raggiungibili le più famose e affascinanti località della Costa Campana. Dista, infatti, solo cinque minuti dal centro e dagli scavi di Ercolano, dieci da quelli di Pompei, di Oplontis e dalle Ville del Miglio d’Oro ed è anche a metà strada tra il centro della città di Napoli e le bellezze della costiera Sorrentina ed Amalfitana.
    L'Hotel de Charme Napoli "Le Fumarole", il luogo ideale per chi desidera rilassarsi senza però rinunciare al comfort e alle bellezze turistiche e naturalistiche del paesaggio. Il personale, disponibile e cordiale, accoglierà il cliente al momento del suo arrivo e se ne prenderà cura fino al giorno della sua partenza, garantendo il ricordo di un luogo unico ed indimenticabile.

  • Vesuvio


    Si tratta di un vulcano particolarmente interessante per la sua storia e per la frequenza delle sue eruzioni. Fa parte del sistema montuoso Somma - Vesuvio ed è alto 1.281 metri. È situato leggermente all'interno della costa del golfo di Napoli, ad una decina di chilometri ad est del capoluogo campano.

    Il Vesuvio costituisce un colpo d'occhio di inconsueta bellezza nel panorama del golfo, specialmente se visto dal mare con la città sullo sfondo.
    Il Vesuvio non apparve sempre come un vulcano attivo. Per molti secoli fu un monte tranquillo. Scrittori antichi lo descrissero coperto di orti e vigne, eccetto per l'arido culmine.
    Risale al 1841 la costruzione dell'Osservatorio Vesuviano, tuttora funzionante, anche se solo come dependance di più moderne strutture ubicate a Napoli.
    Innumerevoli sono state le eruzioni, ma la più famosa è quella del 79 d. C., che nascose agli occhi del mondo per moltissimi anni le città antiche di Pompei ed Ercolano.
    Dalla cima del Vesuvio, si gode l'intera vista del Golfo di Napoli e volgendo lo sguardo verso l'interno, è possibile ammirare l'appennino campano in tutta la sua bellezza. (fonte Wikipedia)

  • Ercolano

    Il Vesuvio e gli Scavi di Ercolano


    Gli Scavi archeologici di Ercolano, sono da sempre meta fissa di migliaia di turisti all'anno, grazie anche al nuovo sito di accesso agli scavi, nonché la nuova area in fase di sviluppo adiacente il nuovo ingresso che già comprende un parcheggio su due livelli all'avanguardia.

    Non mancano luoghi di interesse nella città moderna: il corso principale della città, corso Resina, che collega Ercolano a Napoli, possiede un tratto denominato Miglio d'Oro, per la presenza di rilevanti opere architettoniche: le Ville Vesuviane (alcune ristrutturate anche da famosi scultori o architetti come il Vanvitelli), Villa Aprile (oggi il lussuoso Miglio d'Oro Park Hotel), Villa Battisti, Villa e Parco della Favorita e Villa Campolieto, sedi di eventi culturali, spettacoli e concerti.
    Altro luogo d'interesse artistico è la Basilica di Pugliano, disposta all'estremità più alta di via Pugliano, famosa per l'antico mercato di indumenti usati, tra i più antichi d'Italia. (fonte Wikipedia)

  • Napoli

    La Notte di Piazza del Plebiscito


    Napoli è una delle città mondiali a maggior densità di risorse culturali e monumenti che ne testimoniano la sua evoluzione storico-artistica; il centro storico, annoverato dall'UNESCO tra i patrimoni dell'umanità, è il risultato di sovrapposizioni di stili architettonici, a racchiudere circa 2.800 anni di storia e a testimonianza delle varie civiltà che vi hanno soggiornato; su un territorio relativamente poco esteso sono presenti, tra gli altri, un grande numero di castelli, residenze reali, palazzi monumentali, chiese storiche e resti dell'età classica.
    L'eredità di questa storia millenaria si può comunque ammirare anche in tutta la città e nei suoi dintorni. (fonte

  • Pompei

    Il Vesuvio e gli Scavi di Pompei


    Sin dall'alba di quel giorno del 79 apparve sul Vesuvio una grande nuvola a forma di pino. Alle dieci del mattino i gas che premevano dall'interno fecero esplodere la lava solidificata che ostruiva il cratere del vulcano, riducendola in innumerevoli frammenti, i lapilli, i quali furono scagliati su Pompei, insieme con una pioggia di cenere così fitta da oscurare il sole. Fra terribili scosse telluriche ed esalazioni di gas venefici, la città cessò d'esistere quello stesso giorno, rimanendo per secoli sepolta sotto una coltre d'oltre sei metri di cenere e lapilli.

    I primi veri scavi nell'area di Pompei ebbero inizio nel 1748 per volontà del re Carlo di Borbone, anche se furono piuttosto irregolari e non seguirono alcun metodo scientifico.
    Oggi Pompei ci appare in quasi tutta la sua estensione e ci riporta al giorno in cui il destino fermò il corso della sua storia. Le scritte elettorali sui muri, le suppellettili domestiche, le botteghe, tutto sembra ancora vivo: la tragedia di Pompei non ha distrutto la città, vi ha solo fermato il tempo per restituircela con l'aspetto che essa aveva in quel preciso giorno del 79.
    Pompei non è solo la città degli scavi, è anche la città Mariana per eccellenza, il Santuario della Madonna di Pompei rappresenta un punto di riferimento per ogni devoto alla Madonna, qui il beato Bartolo Longo ha composto la più famosa preghiera alla Vergine Maria, il Santo Rosario. (fonte Wikipedia)

  • Sorrento

    Sorrento di Notte


    Sorrento si distende armoniosamente sopra un alto terrazzo tufaceo, che domina a picco il mare da un'altezza di 50 metri, in mezzo ad una rigogliosissima vegetazione.

    L'ambiente del vecchio borgo, della costa, del panorama collinare, l'antico rione di pescatori "marina grande" e la sua relativa spiaggia, sono alcuni degli scorci più belli e suggestivi della città.
    Il centro storico mostra ancora il tracciato ortogonale delle strade di origine romana, mentre verso monte è circondato dalle mura cinquecentesche. Vi si trovano il Duomo, riedificato nel XV secolo, con facciata neogotica, e la Chiesa di San Francesco d'Assisi, con un notevole chiostrino trecentesco, con portico arabeggiante ad archi che s'intrecciano su pilastri ortogonali.
    Nel "museo Correale" sono esposte collezioni di reperti greci e romani e di porcellane di Capodimonte, con una sezione di pittura del XVII-XIX secolo; dal parco si gode inoltre una magnifica vista sul golfo. (fonte Wikipedia)

  • Ravello

    Gli Splendidi Giardini di Villa Rufolo


    Famoso centro turistico, scoperto e frequentato da numerose personalità di ogni arte. Circa la metà dei suoi visitatori sono inglesi e statunitensi, attratti dal suo richiamo intellettuale e dal fascino delle sue famose ville (come la Villa Cimbrone con la sua famosa vista dalla Terrazza dell'infinito).

    Ospita ogni anno il rinomato Festival di Ravello, dedicato a Riccardo Wagner e tenuto in quella Villa Rufolo che lo aveva ispirato nella creazione del suo ultimo capolavoro, il Parsifal.
    Villa Rufolo è un insieme di edifici risalenti al XIII e XIV secolo, con influssi islamici. (fonte Wikipedia)

  • Positano

    La Magica Positano


    Grazie al clima mite ed alla bellezza del paesaggio, Positano è stato un luogo di villeggiatura sin dall'epoca dell'Impero Romano, come attestano il rinvenimento di un villa e di ulteriori rinvenimenti recentissimi, risalenti al 2004.

    Le famose case dai colori pastello, che si sviluppano in verticale aggrappandosi alla roccia, fanno di Positano un posto unico ed esclusivo.
    Le tipiche e tantissime "scalinate" che dall'alto del paese giungono in basso portano alle varie spiagge, le principali sono la Spiaggia Grande e quella di Fornillo, entrambe raggiungibili a piedi; le altre sono La Porta, Arienzo e San Pietro Laurito, tutte raggiungibili principalmente via mare. (fonte Wikipedia)

  • ​Capri

    I Faraglioni di Capri


    L'isola di Capri incanta per la sua sfolgorante natura, come per esempio: i faraglioni, l'esuberante vegetazione e la celeberrima grotta azzurra.
    Le piccole insenature che essa offre, ne fanno la meta privilegiata per i turisti.
    Capri è il centro mondano per conosciuto di tutta la costa campana, sin dai tempi antichi ha incantato artisti di tutto il mondo.
    Il ritrovo per eccellenza è piazza Umberto I, meglio conosciuta come la piazzetta di Capri.
    Le case con terrazzi e pergolati, costituiscono un altro tipico paesaggio dell'isola.

  • Amalfi

    La Cattedrale di Amalfi


    L'antica Repubblica Marinara di Amalfi, è un agglomerato di case arroccate su un piccolo promontorio. E' il centro della omonima costiera.

    Le case degradanti verso il mare, i paesaggi naturali che la circondano, i monumenti che Amalfi offre ai propri ospiti, ne fanno una meta privilegiata dei turisti di tutto il mondo.
    Da vedere è la grande piazza che porta al Duomo.

  • Paestum

    I Templi di Paestum


    Paestum è un'antica città della Magna Grecia sacra a Poseidone (fu chiamata Poseidonia) ma devotissima anche a Hera e Atena. Il suo territorio è ancora oggi cinto dalle mura greche, così come modificate in epoca lucana e romana poi.

    Paestum mostra importanti monumenti architettonici di epoca greca e romana, di particolarmente importanza sono:

    • Il Tempio di Hera: chiamato la "basilica di Herathos" (ca. 540 a.C.), era uno dei più grandi templi greci costruito in pietra;
    • Il Tempio di Athena (ca. 500 a.C.): in precedenza noto come tempio di Cerere;
    • Il Tempio di Nettuno: ma in realtà anche questo dedicato ad Hera;
    • L'Heraion alla foce del Sele, antico santuario extramurario dedicato alla dea Hera.

    Da visitare anche il Museo archeologico nazionale di Paestum e la Tomba del tuffatore.
    Paestum è anche località balneare dotata di una spiaggia sabbiosa, lunga 15 km, cinta da una pineta affacciata sul mar Tirreno. (fonte Wikipedia)

  • .